Safari Zimbabwe

Un Safari in Zimbabwe, una destinazione esclusiva per un viaggio in Africa, eppure la vecchia Rhodesia nasconde tesori naturalistici, archeologici, storici e culturali tra i suoi confini. Contando ben 5 siti UNESCO, 1 delle 7 meraviglie del mondo e una ricchissima fauna tra cui i famosi Big5, lo Zimbabwe è meta perfetta per chi cerca un viaggio al di fuori del turismo di massa.

Un Paese poco più grande della Germania, a cui manca solo il mare, si trova nell’Africa Meridionale a nord del Sud Africa tra Mozambico, Botswana e Zambia. La sua geografia, i suoi panorami e paesaggi, sono in continuo movimento passando dalle montagne di Nyanga ad est alte 2500 metri, fino alle distese che confinano con il Kalahari Desert ad ovest. Laghi, fiumi e una foresta di Miombo tra le più estese, sulle colline dell’altipiano che attraversa lo Stato africano. Questi vari ecosistemi permettono di mantenere un vero e proprio giardino naturale che si estende per tutto il Paese. Dopo le piogge (da dicembre a marzo), la lussureggiante vegetazione e il verde intenso prende vita fino all’inverno (giugno-luglio-agosto) quando i fiori sbocciano di continuo fino l’arrivo della stagione secca (settembre-ottobre-novembre) che rende la “classica vista di savana” anche nei luoghi più remoti. Ma quello che caratterizza il paesaggio dello Zimbabwe sono i Kopje e le Balance Rock, enormi massi di granito che dopo l’erosione, sono in equilibrio e sembrano cadere da un momento all’altro.

La popolazione, socievole e pacifica, è solo un piacere poterla incontrare e interagire con loro. Sin dalla città fino ai villaggi più remoti, la semplicità di questo popolo rende il viaggio in Zimbabwe piacevole e ricco di contenuti, di emozioni e di esperienze.

E gli animali? Ovunque, nei parchi nazionali. Si trovano tutti i Big 5, una concentrazione altissima di elefanti, diverse specie di antilopi, tutti i predatori più famosi e molti mammiferi legati all’acqua grazie allo Zambesi e al Limpopo (i fiumi principali), ma anche alle tante pozze e piccole dighe disseminate nel territorio. E una varietà di uccelli impressionante.

leone_zimbabwe_big5_safari_lyon_manapools_hwange_africa

Cosa vedere in Zimbabwe, cosa fare in Zimbabwe, cosa....ci vorrebbero due mesi per poterlo visitare tutto. Partiamo dall’inizio e dal sito storico di Great Zimbabwe, un sito archeologico dove le rovine dell’antica capitale catturano il viaggiatore per una giornata intera scoprendo la storia e la cultura delle antiche popolazioni Shona. Matopos, altro Parco suggestivo e unico, tra colline di granito e panorami mozzafiato. Oltre alle centinaia di grotte e caverne con le pitture rupestri, i misteri legati alla popolazione Ndebele e alla sua storia più contemporanea con la tomba di Cecil Rhodes e la “Vista sul Mondo”. Ma Matopos è anche il regno del Leopardo e del Rinoceronte dove il suo avvistamento è quasi all’ordine del giorno.

Il Parco di Hwange, il più grande parco dello Zimbabwe, è sicuramente uno dei posti più affascinanti. Un panorama che cambia di continuo, animali ovunque tra la savana alberata e la savana aperta. Le pozze d’acqua che radunano gli animali a qualsiasi ora in un paesaggio maestoso. Il Parco di Mana Pools, uno dei parchi più selvaggi e remoti d’Africa, si affaccia sullo Zambesi dove ogni esemplare lotta per la sopravvivenza ogni istante, dove solo il più forte sopravvive.

I minori Kazuma, Chizarira, Matusadona e Gonarezhou, essendo davvero remoti, sono solo per veri appassionati di Safari Africani che richiedono di andare ad avventurarsi in questi parchi che in realtà meritano molte attenzioni per le loro singolari particolarità. Il Lago Kariba lungo 282 km e l’alta catena montuosa di Nyanga completano il cerchio con le Mutarazi Falls, cascate alte ben 762 metri.

Le Cascate Vittoria sono infine la chicca dello Zimbabwe. La perla, la ciliegina sulla torta di un Paese ricco di contenuti. Alte 108 metri e larghe ben 1700 metri di pura potenza e forza dello Zambesi che si tuffa nella gola creando un Canyon come letto del fiume.

Cascate vittoria_victoria falls_zimbabwe_7 meraviglie del mondo_africa_natura

Lo Zimbabwe nasce nel 1980 dopo aver ottenuto l’indipendenza dall’Inghilterra prima e dalla Rhodesia poi. Nel 2008 un tracollo politico porta il paese alla rovina e dopo quasi 10 anni si sta rialzando e tornando in carreggiata. Questa situazione ha creato molta povertà economica all’interno del Paese, ma la popolazione dello Zimbabwe (Shona ed Ndebele) restano e sono sempre rimaste popolazioni pacifiche. Difficile, nonostante una politica che fa spesso parlare di se, trovare scene di violenza o semplicemente di pericolo.

Non ci sono vaccinazioni obbligatorie ed è consigliata la profilassi antimalarica.

Durante i Safari in Zimbabwe, comunemente chiamati Game Drive, ci si sposta su auto 4x4 attrezzate per i tipi di terreni che si vanno ad incontrare lungo il percorso. Che siate seduti su un’auto “aperta” o all’interno di un abitacolo, le guide hanno molta esperienza nel tracciare e cercare gli animali in un ambiente selvaggio dove difficilmente si incontrano altre vetture. Mantenere un comportamento adeguato è una cosa gradita, godendosi la natura e le emozioni che si vivono durante queste ore indimenticabili.

Se i pernottamenti sono in tenda all’interno dei parchi (vivamente consigliati), le guide che vi accompagnano sono preparate a gestire ogni situazione sia nella gestione del campo (garantendo tutti i comfort e servizi) sia in caso di ospiti del regno animali che, durante la notte, fanno visita al campo. Se si seguono semplici accortezze come lasciare pulita l’area, evitare schiamazzi e chiudere bene la zip della tenda, questi incontri sotto un cielo stellato magico e la musica degli animali in sottofondo, renderanno l’esperienza africana davvero intensa, unica e indimenticabile.

E se si facesse un Walking Safari?